L’insonnia e i disturbi legati al sonno sono ormai molto diffusi: colpiscono ogni anno milioni di persone e possono avere conseguenze anche piuttosto gravi sullo stato di salute. Questa è la motivazione che ci ha spinti non solo ad introdurre nella nostra offerta Lefay SPA un nuovo programma per il sonno (“Sogni d’oro“) e un massaggio contro l’insonnia (“L’Abbracio di Morfeo”), ma anche a voler condividere con voi qualche utile ma soprattutto semplice suggerimento del nostro Dottor Corradin per facilitare il sonno e migliorarne anche la qualità.

  •  Rilassatevi prima di coricarvi

Prima di coricarsi è consigliabile rilassare il corpo, magari con una doccia o un bagno caldo, in modo da eliminare le energie che si sono accumulate durante la giornata. In alternativa, ci sono anche delle tecniche di respirazione profonda e consapevole, grazie alle quali viene “visualizzata” la discesa dell’energia, che viene poi espulsa tramite l’espirazione. 

  •  Svolgete una regolare attività fisica

Un’attività fisica regolare, anche se moderata, genera stanchezza oltre a far produrre al corpo sostanze rilassanti. Ciò è dovuto al fatto che, con l’esercizio fisico, si abbassa il livello di adrenalina e quindi lo Yang, ossia l’energia accumulata in eccesso che causa l’insonnia.

  •  Fate una cena leggera  

Meglio prediligere un pasto leggero ed evitare di cenare troppo tardi. Includere i carboidrati, sia pure in quantità ridotta (basta del pane da accompagnare ad un’insalata, ad esempio) è importante, in quanto, grazie al Triptofano e alla melatonina (che regola il ritmo sonno-veglia), aiutano l’organismo a rilassarsi. No invece alla carne rossa la sera, che può alimentare l’aggressività, ai cibi e bevande con alti livelli di caffeina, teina e, ovviamente, al consumo di alcol. Per un buon equilibrio del ritmo “sonno- veglia” sono ottimi anche altri alimenti, come riso Jasmine, il cavolfiore, che contiene bromuro (un sedativo che favorisce il rilassamento), le mandorle, che hanno un effetto rilassante per il loro contenuto in vitamine e sali minerali, e le banane.

  •  Provate le tisane rilassanti

Consumare le giuste tisane almeno un’ora prima di coricarsi aiuta a dormire meglio. Infusi al biancospino, passiflora o la più classica camomilla agiscono come blando sedativo e contribuiscono a combattere l’insonnia.

  •  L’Automassaggio

Prima di andare a dormire si può esercitare un automassaggio sulla testa un poco al di sopra della chierica, sulla cosiddetta “fontanella”. In quella zona ci sono 5 punti che, se stimolati tramite la digitopressione, contribuiscono ad abbassare l’energia accumulata.

 

A cura del Dottor Maurizio Corradin – Medico-Chirurgo, Specialista in Medicina dello Sport, Professore di Fitoterapia e Agopuntura, Presidente del Comitato Scientifico Lefay SPA.